Gallio e il suo magnifico territorio sarà la sede della Marathon dell’Altopiano

Natura selvaggia e incontaminata, magnifici paesaggi, tradizioni antiche, sapori genuini e un’accogliente ospitalità, tutto questo e molto altro saprà offrire Gallio (VI) alla Marathon dell’Altopiano, per un week end all’insegna di relax, benessere, sport e divertimento.

Sarà il Comune di Gallio (VI) ad ospitare, il 29 settembre 2019, la prima edizione della Marathon dell’Altopiano. Con il suo territorio affascinante, un’isola verde sospesa tra cielo e terra, baricentro delle terre Venete poco oltre i 1.000 metri di altezza, tra il paradiso delle Dolomiti e l’operosa pianura. Un paese tra i più nobili dell’antichissima comunità dell’Altopiano di Asiago, presidio e campo base per le montagne sacrario delle guerre più crudeli. Paesaggi che sono un autentico mosaico, tra boschi, pascoli e montagne, un caleidoscopio di colori, flora e fauna, ecosistemi in continua evoluzione che invitano a entrare in punta di piedi, rispettosi di un patrimonio che non appartiene solo alla comunità locale, ma che è di tutti.

Forte di una storia viva, ricca e mai banale, Gallio offre al visitatore qualcosa di più di un posto in cui sostare per riposare: qui ci si può meravigliare, respirando a fondo ciò che i sensi sanno registrare e la memoria rammentare.

Sono moltissimi i luoghi da visitare, a partire dalla frazione di Stoccareddo (Paese dei Baù). Unica frazione di Gallio, Stoccareddo merita sicuramente una visita. Le abitazioni sono sparse su un pianoro quasi a ridosso delle grotte, un balcone naturale affacciato sulla aspra e selvaggia Val Frenzela (da Frea-sele divinità celtica). Ma l’elenco dei luoghi meritevoli di visite è davvero lungo: la chiesa di San Bartolomeo, la chiesa parrocchiale di Stoccareddo, la chiesa della Campanella (dedicata a Santa Maria Maddalena), il Sacello della Madonna del Carmine, il santuario della Madonna del Buso, la chiesetta di Santa Maria delle Grazie e la chiesetta degli Alpini in località Busafonda.

Poi ci sono le escursioni consigliate, alla scoperta di territorio, storia e natura:

  • Val di Nos (livello di difficoltà: medio/difficile)
  • Monte Longara (livello di difficoltà: media)
  • Valle dei Mulini (livello di difficoltà: facile)
  • Sentiero del silenzio (livello di difficoltà: facile)
  • Monte Valbella e Col del Rosso (livello di difficoltà: facile)

Non mancano certo le attività sportive, partendo dalle già citare escursioni, alla pratica della Muontain Bike per concludere con lo sci nordico al Centro Fondo Gallio.

A circa quindici minuti dal centro di Gallio, troviamo il Centro Fondo Campomulo, meta ogni anno di numerosi fondisti e appassionati di montagna.

Il complesso, fornito di un attrezzato centro noleggio per sci, bob e ciaspole, vanta circa 150 km di piste che attraversano alcune tra le più suggestive zone del nostro Altopiano.

I 150 km di piste innevate, che si snodano nel mezzo del romantico paesaggio invernale, hanno conferito al Centro Fondo Gallio, la fama di essere uno dei più bei centri d’Europa per lo sci nordico. Campomulo si presenta, grazie alla sua fortunata ubicazione, base di partenza per tour giornalieri ed escursioni varie.

Tutti i dettagli e le informazioni sul sito: www.gallio.it

Gallio, con tutto questo e molto altro, accoglierà i partecipanti alla Marathon dell’Altopiano, coccolandoli con calore.

Vogliamo ricordare la furia della tempesta che, lunedì 29 ottobre 2018, si è abbattuta sull’Altopiano di Asiago, creando ferite incancellabili a un territorio che ha una delle sue maggiori risorse dal patrimonio naturalistico. Stimati in oltre 300.000 gli alberi caduti al suolo o spezzati dalla furia della tempesta. Tutti abbiamo avuto modo di vedere in TV o sui quitidiani le impressionanti immagini di questa incredibile devastazione. Il C.O. di Cortina Experience, impegnata nell’organizzazione della Marathon dell’Altopiano, non è certo rimasto insensibile, schierandosi a supporto alle attività di ripristino. Per ogni iscrizione alla Marathon dell’Altopiano verranno devoluti 2€ all’amministrazione di Gallio, inoltre, in fase d’iscrizione, ogni biker potrà decidere di donare volontariamente ulteriori 2€.

Iscrivendoti alla Marathon dell’Altopiano anche tu contribuirai al sostegno di questa iniziativa, un biker è un amante della natura e non può certo restare indifferente alla distruzione di quello che è “il nosto habitat naurale”. Iscriviti subito e aiutaci a piantare nuovi alberi, il 29 settembre, mentre percorrerai i sentieri, ti sentirai fiero di aver dato il tuo contributo!

Informazioni e iscrizioni: www.marathondellaltopiano.com